Select Page

Guardiani della Galassia: i protagonisti del Cosplay Tour. PARTE 2

Guardiani della Galassia: i protagonisti del Cosplay Tour. PARTE 2

Nella prima parte dell’articolo dedicato al cosplay tour dei Guardiani della Galassia abbiamo intervistato Sara Romanoff e Mirella Reborn Santamaria, rispettivamente nei panni di Nebula e Gamora. Intervistate da Cosplay Hub le ragazze hanno fornito, oltre al loro parere sul film, suggerimenti su come realizzare dei cosplay ispirati alla pellicola di James Gunn quanto più possibile vicini alla perfezione.

Questa volta, invece, è il momento di lasciare la parola ai tre ragazzi che hanno fatto parte della tournée… Preparatevi per i cosplayer Mauro Mohoric’, Carmine Scala e Marcello Serafini!

 

Star Lord Cosplay Tour

 

Cosa ne pensi del film? Quali sono le tue impressioni?

Mauro Mohoric’: Essendo Guardiani della Galassia il mio film Marvel preferito, avevo grandissime aspettative sul vol.2. Sono felicissimo che non siano state deluse. James Gunn ha tirato fuori dal cilindro un degno e perfetto sequel ricco di azione, colpi di scena e comicità senza tuttavia trascurare la storia e la sfera emozionale.

 Carmine Scala: Il film mi è piaciuto tantissimo. Questa credo sia una delle rare volte che un sequel sia migliore del primo film. Avvincente, divertente e mai noioso o lento. Insomma, credo si sia capito… ne sono veramente entusiasta!

Marcello Serafini: Ho aspettato per tre anni con il fiato sospeso questo secondo film dei Guardiani della Galassia… speravo davvero che fosse all’altezza del primo. Per fortuna è stato proprio così… Forse addirittura meglio del primo! Più battute, più divertimento…e più ignoranza, in senso buono (sorride)

 

Groot Cosplay Tour

 

Cosa ne pensi dello sviluppo del gruppo dei Guardiani e cosa ti aspetti dalla prossima pellicola?

Mauro Mohoric’: Ho apprezzato molto sia l’approfondimento dei personaggi già introdotti in precedenza che la caratterizzazione dei nuovi… le dinamiche nella pellicola fanno emergere le spiccate e differenti personalità di ognuno di loro. La cosa che amo di più nel loro rapporto è che questo gruppo, apparentemente una banda di idioti squilibrati senza nessun tipo di freni inibitori, in realtà è legato da una connessione molto più profonda di quello che può sembrare. Come dice Drax, non sono solo amici: sono una famiglia vera e propria! Nonostante le incomprensioni e i litigi di tutti i giorni ci si vuole bene e nei momenti cruciali unisce le forze per raggiungere uno scopo comune. Nel prossimo film (Infinity War) mi aspetto problemi relazionali e scene esilaranti tra i Guardiani e gli Avengers… oltre a un’epica battaglia contro Thanos.

Carmine Scala: Sono davvero curioso di come possa questo gruppo di “pazzi” interagire con gli altri personaggi del MCU… e ovviamente non vedo l’ora di rivedere un Groot cresciuto.

Marcello Serafini: Credo che la Marvel abbia fatto un ottimo lavoro decidendo di non creare un remake di Avengers e puntando, invece, su qualcosa di diverso, nel quale i personaggi si prendono meno sul serio e… in cui salvare la galassia diventa quasi uno scherzo! Cosa mi aspetto dal futuro? Spero in un film dedicato Rocket! È un personaggio che merita di essere approfondito, sia per la sua storia che per il suo modo di vedere le cose.

 

Rocket Cosplay Tour

 

Quali sono le principali problematiche alle quali va incontro chi vuole impersonare il cosplay che hai interpretato? Hai qualche consiglio da dare a chi vuole cimentarsi con questo cosplay?

Mauro Mohoric’: La cosa che mi fa sorridere è che tantissimi pensano sia di facile realizzazione… invece reputo Star Lord il costume più complesso sul quale abbia mai lavorato. È ricco di dettagli: ad esempio, solo la giacca prevede diversi tessuti e pelli con motivi stampati ad hoc nonché elementi tridimensionali come la patch sulla spalla oppure la valvola sull’avambraccio. Inoltre necessita di lavorazioni molto complesse sia dal punto di vista sartoriale che per la realizzazione props (elmetto, pistole, orb etc). Per non parlare poi della difficoltà nel reperire gli oggetti utilizzati nel film: il modello di Walkman e cuffie, la zip sul retro dei pantaloni, la fibbia per il “sacco a pelo” e così via. Attualmente sto lavorando sulla versione del secondo film e vi assicuro che non è da meno.

Consiglierei di analizzare e studiare nei minimi particolare il costume, di non tralasciare nessun dettaglio anche se minimo perché la somma di essi determina la qualità del cosplay. È importante non essere frettolosi nella fase di progettazione/reperimento materiali! Infine consiglio di utilizzare solamente materie prime di ottima qualità.

Carmine Scala: Fare un cosplay di Groot non è uno scherzo… alla fin fine è un personaggio realizzato in CGI quindi si va incontro a un qualcosa che da realizzare nel dettaglio comporta molte spese e lavoro. Costruire una tuta completamente chiusa limiterebbe i movimenti e farebbe troppo caldo, per questo ho optato per vari pezzi a mo’ di armatura Così risultano facili da montare e lasciano un po’ di aria nelle articolazioni, consentendo del movimento in più. Per l’altezza ho creato degli stinchi con dei rialzi, che permettono ai miei 174cm di diventare circa 230. Questi elementi sono correlati da sportelli posteriori che, in caso di lunghe distanze da percorrere, consentono di poter scendere e portarli a mano. Ciò nonostante intraprendere la creazione di questo costume significa comunque essere coscienti di soffrire nella sua scomodità… ma come dico sempre “cosplay è sofferenza” (ride)

Marcello Serafini: Creare Rocket Raccoon è stato difficile: progettazione, sartoria, scultura… il fucile è stato progettato a mano, prima su carta e poi su materiale… e pesa 15kg! Portarlo è una gran fatica ma è l’unico modo per creare un elemento proporzionato al personaggio. Inoltre il pelo sintetico che ricopre Rocket è caldo da portare quindi il mio consiglio è: se soffrite il caldo, non fate questo cosplay! Per il resto ci vuole solo un po’ di forza e molta pazienza! (sorride)

About The Author

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Recent Videos

Loading...