Select Page

Recensione: Empowered, di Adam Warren

Il consiglio che vi diamo oggi è di recuperare in fumetteria qualcuno dei volumetti della saga di Empowered, quattordici euro cadauno per 250 pagine, pubblicati in Italia dal n°1 al n°6 dalle edizioni BD Comics.

Chi è Empowered?

È una di voi. È una ragazza, bionda, formosa ed è assolutamente inetta.
Ha tonnellate di buona volontà… ma finisce col cacciarsi invariabilmente nei guai.
Lavora per un gruppo di supereroi come “stagista”, e già questo già dovrebbe farvi sorridere.
Empowered è l’ultima ruota del carro, e ha serissimi problemi d’autostima.

Empwered 4a
La Supertutina

Superpoteri? Quelli del pacchetto standard: superforza, agilità e compagnia bella… il problema è che questi poteri derivano da un costume che altro non è che una membrana superaderente che finisce in brandelli per un nonnulla lasciandola in balia dei suoi nemici, che, regolarmente, la legano e la imbavagliano come un salame.
È impossibile non restare colpiti dalla simpatia che l’aspirante supereoina ispira, e da quanto siano frizzanti e assolutamente parodistiche le sue avventure, persino nella traduzione dei testi.
Il suo creatore, l’americano Adam Warren, possiede un tratto elegante e sicuro, ha senso della composizione e fonde piacevolmente soluzioni grafiche tipiche dei manga con uno stile decisamente disneyano. QUI trovate la sua pagina DeviantArt che vi dirà tutto il necessario per chiarirvi lo spirito, ma, per darvi un’idea, sappiate che in una delle storie che la vede protagonista, la deliziosa Empowered si ritrova finalista alla cerimonia dove viene assegnato l’agognato Super Mantellino d’Oro al Miglior Superumano Non Ancora Abbastanza Famoso.

Empwered 4 cover

In poche parole, Empowered è un fumetto divertente, pieno di idee, sexy, con una storia intrigante e, sopratutto, disegnato da dio.
L’uso di un un taglio delle vignette che varia per ogni pagina rende ogni tavola molto ricca e maschera in maniera egregia quelli che sono i limiti di Warren (e cioè un ritmo non velocissimo e qualche ripetizione nello sviluppo della storia).
Fortissimamente consigliato.


Cosplay corner

Se poi, leggendo le sue avventure, vi viene voglia di farne il cosplay, potete prendere spunto dalla modella canadese Christine, che si è fatta dipingere addosso sei strati di lattice liquido blu e ha realizzato un set col fotografo Paul Hiller: se non ve la sentite di andare in giro vestite di sola vernice (e possiamo capirvi), potete sempre ripiegare sullo spandex blu. E non dimenticate la parrucca bionda!
Empowered model

Supersexy

80%

Globale
80%

About The Author

Luca Morandi è un designer e ha lavorato per anni nel mondo della pubblicità e dei grandi eventi. Nel 2007 si è avvicinato al cosplay, da subito in maniera professionale, ed è intervenuto a tutte le più importanti fiere italiane ottenendo riconoscimenti di pubblico e nei contest.

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Recent Videos

Loading...