Select Page

L’ABC del Cosplayer: 5) il Make up

L’ABC del Cosplayer: 5) il Make up

Il make up è componente essenziale del cosplay anche nel caso di personaggi acqua e sapone. Talvolta c’è più lavoro dietro un trucco che deve sembrare inesistente che dietro a uno appariscente e chiassoso.
Il trucco non offre solo la versione migliore di noi ma, anzi, dà carattere al nostro personaggio. Talvolta è anche l’unica occasione in cui ci trucchiamo. Spesso vogliamo apparire più belli in fiera che alla prima serata con il partner.
D’altronde… il make up ha avuto una notevole incidenza nel successo della famosissima, bellissima Yaya Han.

yaya-han-cosplay make up

In fiera, però, il caldo e la stanchezza si fanno sentire e chi manifesta per primo segni di cedimento non è la vescica, non lo stomaco, non i piedi, bensì il volto (quello femminile più di quello maschile).
Dovendo stare in piedi per diverse ore (più di una normale serata o di una giornata in ufficio) è il caso di partire sin dal mattino nel migliore dei modi. Per una volta ogni tanto si può fare lo sforzo di perdere un po’ di tempo con il make up, specie se si punta ad avere foto di qualità. Il fotografo non può fare miracoli e spesso le foto che girano sono quelle amatoriali in cui non c’è spazio alcuno per il difetto.
Diamo per scontato che -almeno quel giorno- partiate con le sopracciglia fatte e la pelle già trattata da uno scrub/peeling (per togliere le impurità e la patina di stanchezza che la normale igiene non rimuove) e da una buona idratazione (crema giorno e siero anti borse/occhiaie).

Non Fare

Lenti a contatto

Vanno indossate per prime, non per ultime, per evitare che il trucco successivo venga trascinato all’interno della palpebra. Ognuno ha la sua tecnica per infilarle e toglierle (non badate a chi vuole imporvi la sua).
Non cambiare mai il liquido è pericoloso, soprattutto per le lenti annuali: non tanto perché, restando senza liquido, le lenti si seccano e induriscono ma per il proliferare dei batteri. Se proprio vi siete dimenticati di cambiarlo, e le lenti sono ancora morbide, rinnovatelo la sera prima, permettendogli di uccidere ogni batterio eventualmente presente.
In ogni caso fate attenzione ad indossare le lenti con mani lavate accuratamente.

Primer e correttore

Affinché il trucco non si dilavi dopo poche ore è fondamentale stendere una base di primer e quindi di correttore in stick che riempie i dislivelli della pelle e la livella a livello cromatico, fornendo una base a cui si aggrappa il makeup successivo.

Eye make up cosplay

Solo alcuni dei diversi effetti ottici che si possono ottenere sugli occhi con un corretto uso del make up

Ciglia finte

Nella vita di tutti i giorni può bastare un mascara a ripristinare la lunghezza delle ciglia offuscate dal make up. Nel cosplay, tutta via, ciò non basta a rendere l’aspetto fumettoso del personaggio e nelle fotografie, anche le ciglia finte più appariscenti sembrano scomparire. Discorso simile vale per il rossetto.
Ogni tipo di ciglia, inoltre, determina un diverso effetto ottico e bisogna sceglierle in base all’effetto che si vuole ottenere. Fate attenzione a come le indossate. Una leggera divergenza può dare una diversa ombreggiatura da un occhio all’altro e farvi sembrare deformi.

Fare

Trucco waterproof/photoready

A parte l’inferno estivo di Rimini e Vinci (per i quali è pressoché inutile se non folle riempirsi di trucco e cacciarsi in testa una parrucca oltre a un costume il più ridotto possibile), un cosplayer affronta le fiere per lo più nei mesi di transizione dall’estate all’inverno. Tanto basta, comunque, a far sudare chiunque abbondantemente.
Per ovviare alla colatura del trucco nei mesi caldi, meglio ricorrere a un make up waterproof.
Negli altri casi, per avere un look più naturale rispetto al make up quotidiano, è preferibile ricorrere a un make up photoready e colori effetto mat come ombretti (quelli della Kryolan sono perfetti ma costosi).
In tutti i casi, visto che la fotografia ‘mangia’ il trucco (in realtà sono le componenti luminose del trucco normale che riflettono la luce e danno quell’effetto), preferite le matite, unitele a ombretti bagnati e, comunque, la parola d’ordine è abbondare! O sembrerete struccate.

Bellatrix Cosplay make up

Fondamentale nel cosplay di Bellatrix, Fernanda Andrade (FLovett) e la nostra Concetta Lombardo (Iris Moon) hanno sfruttato il make up nel miglior modo possibile.

Ombreggiature e counturing

Non dimenticate di dare tridimensionalità al volto e di cambiare, eventualmente, i vostri connotati. Imparate a giocare con i chiaroscuri: colori chiari allargano, colori scuri rimpiccioliscono tanto nell’abbigliamento quanto nel make up.
Ricordatevi di enfatizzare la luminosità delle zone più esposte e di scurire quelle a cui volete dare maggiore profondità anche col bodypainting. E’ un’astuzia che si usa anche per dare l’effetto ottico di un seno maggiorato e un ventre più tonico di quello già piatto ma flaccido.

Salviette

A metà mattina si è già stanchi e sudati. Evitate di levarvi il trucco applicato con tanta fatica (e pressoché impossibile da rifare al momento) con il gesto -naturale quanto devastante- di passarsi la mano sulla fronte. Levando il sudore e la patina di unto conseguente levate anche il make up. Preferite, piuttosto, le salviette assorbenti (le trovate anche da Kiko) e tamponate con queste la zona interessata: il sudore sarà assorbito e il trucco levato minimo.

Korra cosplay sweating make up

JouninK nei panni di Korra

About The Author

Cresciuta con la valigia in mano, in giro per il mondo, ama tutto ciò che è diverso e colorato. Deve la sua passione per fumetti, fantascienza e cultura pop ai suoi zii paterni. Di formazione scientifica, si è laureata in Filologia Romanza ed è approdata, successivamente, ad Architettura dove, nel corso di Design di Moda, si laurea con una tesi di Costume Design, argomento che approfondirà l'anno dopo alla Central Saint Martin di Londra. Precisa e pignola, mescola istintivamente le sue conoscenze ovunque debba applicarle: come scrittrice, insegnante e fashion accessory & costume designer. Il cosplay le permette di vivere storie come in un racconto e le fornisce il pretesto per affrontare complicati costumi, ricchi di dettagli.

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Recent Videos

Loading...